Pitta di patate - la cucina pugliese

Pitta di patate

Uno dei piatti tradizionale della cucina salentina è la Pitta di patate!

La Pitta di patate è una pietanza davvero speciale perchè le sue origini sono quelle di una cucina povera contadina!

Il termine “pitta" deriva da “pittata o dipinta", questo perché in origine la sua superficie prevedeva dei decori.

Si tratta di una specie di pizza rustica composta da due morbidi strati di patate che racchiudono un ripieno a base di cipolle, pomodori, capperi, olive nere, una piccola aggiunta di formaggio pecorino e l’immancabile re di tutti i nostri piatti, ovvero l’olio d’oliva extra vergine!

Ma come tutti i piatti della tradizione, in ogni famiglia ne viene conservata“la ricetta”, che può avere piccole varianti ma la sostanza è sempre la stessa.

Semplice da preparare, si può consumare calda dopo un breve riposo, ma l’ideale è mangiarla fredda quando gli ingredienti si sono rassodati.

Servito con un contorno di verdure, diverrà uno straordinario piatto unico che sprigionerà tutti i sapori del Salento.

Vi lascio la ricetta!

INGREDIENTI

  • 1 kg di patate;
  • 1 uovo;
  • 500 gr pomodori pelati;
  • 500 gr cipolle;
  • 200 gr formaggio pecorino;
  • 40 gr olive nere;
  • 15 gr pangrattato;
  • 35 gr capperi;
  • olio extravergine d’oliva;
  • q.b sale;
  • q.b pepe;
  • qualche foglia di basilico.

PREPARAZIONE

  1. Lavare le patate e metterle a lessare in una pentola coprendole di acqua fredda. Fatele cuocere per circa un’ora.
  2. Appena cotte scolare e pelare.
    Passare le patate allo schiacciapatate e ridurre in purea e lasciare raffreddare.
  3. Intanto preparare il sughetto:
    In una padella con olio extravergine di oliva, far rosolare le cipolle tagliate a rondelle. Dopo qualche minuti unire i capperi dissalati, le olive, i pomodori pelati e qualche fogliolina di basilico.
    Cuocere per una decina di minuti ( se fosse troppo asciutto allungate con poca acqua), mescolando di tanto in tanto e sistemare di sale e pepe.
    A cottura ultimata, mettere da parte a raffreddare.
  4. Riprendere la purea di patate ormai raffreddata e aggiungere un uovo intero, il formaggio pecorino grattugiato, un pizzico di sale e circa due cucchiai di sughetto: lavorare con le mani per rendere il composto omogeneo.
  5. Quando il sugo e l’impasto a base di patate saranno freddi iniziare a comporre la pitta: imburrare una pirofila antiaderente e distribuitevi, in uno strato uniforme e non troppo alto (circa 1 cm e mezzo), metà impasto di patate.
  6. Versate la salsa di cipolla su tutta la superficie e ricoprite con il restante impasto di patate.
  7. Ungete con poco olio e ricoprite con il pangrattato.
    Cuocete a 190 °C per circa 30-40 minuti (fino ad ottenere una crosticina ben dorata in superficie).
Vota la ricetta

10 commenti

  1. Proverò di sicuro deve essere buonissima 😋😋

     
  2. Ma sai che non la conoscevo la pitta di patate?? Ma domani provo subito a prepararla, è così invitante!

     
  3. Questa ricetta fa proprio al caso mio, sembra davvero deliziosa ^^

     
  4. amalia Occhiati

    Mangiata per la prima volta quest’estate in vacanza in Puglia, semplicemente deliziosa., buonissima

     
  5. Valentina

    Fantastica ricetta, io amo le torte salate sopratutto con le patate, grazie di questa bontà.

     
  6. mary pacileo

    ho provato la classica pitta, buonissima, che delizia questa tua variante

     
  7. Giusy Loporcaro

    Ecco questa ricetta me la segno per bene perchè da me in provincia di Bari non si prepara! Grazie come sempre per i manicaretti che condividi!

     
  8. Una mia carissima amica prepara spesso questo piatto…. mi piace tantissimo

     
  9. Devo provare a farla anche io, non l’ho mai assaggiata purtroppo

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*