Lampascioni sott'olio - la cucina pugliese

Lampascioni sott’olio

Una conserva speciale della cucina meridionale sono i Lampascioni sott’olio!

Prima di addentrarci nei dettagli del procedimento sarà bene chiarire cosa si intende per lampascioni. Questi ultimi non sono altro che dei cipollacci selvatici.

Si presentano come piccole cipolle contraddistinte da un sapore piuttosto amaro e sono reperibili nel Meridione, soprattutto nelle regioni della Basilicata e della Puglia.

Proprio in quest’ultima, in particolar modo nel Salento, è usanza conservarli sott’olio: così facendo, dopo la preparazione di questa ricetta, i lampascioni possono essere abbinati come contorno per i piatti a base di carne o pesce oppure possono accompagnare varie tipologie di antipasti ed essere un ottimo condimento per le insalate o le frittate.

I Lampascioni sott’olio sono molto semplici da preparare ma richiedono manualità e pazienza. I bulbi infatti dovranno essere puliti uno ad uno prima di essere cotti e poi racchiusi nei vasetti.

Vi lascio la ricetta!

INGREDIENTI

  • 1 kg di lampascioni;
  • 1 l d’acqua;
  • 1 l di aceto bianco;
  • olio extravergine d’oliva;
  • q.b sale grosso:
  • foglioline di mentuccia o prezzemolo;
  • spicchi d’aglio (facoltativo).

PREPARAZIONE

  1. Pulire bene i lampascioni e lavarli ripetutamente. Per eliminare il gusto amaro si consiglia di lasciarli per una notte intera in acqua fresca e risciacquarli il giorno dopo.
  2. Trascorso il tempo necessario, portare a bollore 1 litro di acqua, 1 litro di aceto bianco ed aggiungere una presa di sale grosso.
  3. Mettere in pentola i lampascioni ed abbassare la fiamma lasciandoli cuocere fino a che, saggiandoli con la forchetta, risulteranno teneri (circa 30 minuti), ma comunque ancora sodi.
  4. Lasciarli raffreddare nella loro acqua di cottura, quindi scolari e condirli con olio, aceto e pepe.
  5. Se si desidera conservali sott’olio, è necessario lasciarli asciugare tenendoli prima in un colapasta e successivamente all’aria, distesi su un canovaccio pulito.
  6. A questo punto, sono pronti per essere invasati nei barattoli di vetro sterilizzati, ben coperti di olio extravergine d’oliva, conditi con qualche spicchio di aglio, poche foglie di prezzemolo oppure di mentuccia, e pepe nero in grani.
  7. Prima di riporre in dispensa al buio, i barattoli vanno tenuti sotto controllo per almeno un paio di giorni: il livello dell’olio tende a scendere e deve essere rabboccato.

Vota la ricetta

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*